Modern urban sceneries of old Milan

Quando si parla del quartiere dei Navigli a Milano si fa riferimento alla zona della Darsena, il porto di Milano adiacente a Piazza XXIV Maggio, e alle vie che costeggiano il Naviglio Grande, che collegava Milano alla Svizzera, e il Naviglio Pavese, che collegava la città con Pavia.
Oggi questa zona è stata molto rivalutata ed è considerata una delle più affascinanti aree residenziali della città. Si possono infatti ammirare nei dintorni rinati palazzi di ringhiera che ricordano la Milano di un tempo. Il quartiere è molto frequentato: di giorno, in quanto sede di numerosi mercatini (l’ultima domenica di ogni mese fa da scenario all’importante mercatone dell’antiquariato), gallerie d’arte e botteghe di artigiani; di sera, si accendono le luci dei mille locali e ristoranti che lo rendono uno dei più divertenti ed attrattivi quartieri della città.
In realtà i Navigli di Milano nascono come canali artificiali navigabili utilizzati per il trasporto di persone e emerci e per l’irrigazione. Nel corso del ventesimo secolo, con il diffondersi dei tram e dei treni come mezzi di trasporto, sono stati quasi completamente coperti.
Questa caratteristica del passato di Milano è riportata però alla memoria passeggiando nel Quartiere dei Navigli, nel romantico Vicolo dei Lavandai, sugli antichi ponti del Naviglio Grande.

Fonte http://www.turismo.milano.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *